Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Menu Chiuso
MENU
Logo IPSO

Istituto di Psicologia Somatorelazionale

Fondato e diretto da Luciano Marchino

‹‹ BACK

EVENTI CORSI E SEMINARI

Dal 30 luglio al 3 agosto 2019

Lago D'Orta

LIBERI DI ESSERE FELICI - DALL’ALTRA PARTE DELLA PAURA

Conduce Rocco Mukunda Falconeri

Laboratorio residenziale di terapia

“Quando ero piccolo adoravo il circo, ero attirato in particolar modo dall’elefante che, come scoprii più tardi, era l’animale preferito di tanti altri bambini.
Durante lo spettacolo faceva sfoggio di un peso, una dimensione e una forza davvero fuori dal comune; ma dopo il suo numero, e fino ad un momento prima di entrare in scena, l’elefante era sempre legato ad un paletto conficcato nel suolo, con una catena che gli imprigionava una delle zampe.

 

Eppure il paletto era un minuscolo pezzo di legno piantato nel terreno soltanto per pochi centimetri e anche se la catena era grossa mi pareva ovvio che un animale del genere potesse liberarsi facilmente di quel paletto e fuggire.

 

Che cosa lo teneva legato?

 

Chiesi in giro a tutte le persone che incontravo di risolvere il mistero dell’elefante; qualcuno mi disse che l’elefante non scappava perché era ammaestrato. Allora posi la domanda ovvia: “se è ammaestrato, perché lo incatenano?” Non ricordo di aver ricevuto nessuna risposta coerente.

 

Con il passare del tempo dimenticai il mistero dell’elefante e del paletto. Per mia fortuna qualche anno fa ho scoperto che qualcuno era stato tanto saggio da trovare la risposta: l’elefante del circo non scappa perché è stato legato a un paletto simile fin da quando era molto, molto piccolo...”

 

Jorge Bucay

 

Strumenti di lavoro: tecniche di terapia bioenergetica e a mediazione corporea, di auto-osservazione e meditativo-dinamiche. Ci saranno momenti di silenzio, di danza e di contatto con la natura.

 

Date: 30 Luglio – 3 Agosto 2019. L’arrivo è previsto entro le ore 18 del 30 Luglio, con cena alle 19.30 e inizio delle attività alle 20.30.

 

Destinatari: chi ha già esperienza di lavoro su di sè attraverso un approccio terapeutico e/o corporeo e/o meditativo.

 

Costi: per il processo terapeutico € 320; per la pensione completa € 280 in stanza da 3 o 4 posti letto. Possibilità di stanza singola e camping su richiesta e in base alla disponibilità del centro. Cucina vegetariana.

 

Luogo: Centro d’Ompio - Casa Felicina - Pettenasco (NO) - Guarda su Google Maps

www.ompio.org/it/

 

Informazioni e iscrizioni: scrivere a rocco.falconeri@gmail.com entro il 10 giugno; Certificazioni: classi di esercizi e psicoterapia di gruppo.

Conduttore: Rocco Mukunda Falconeri, psicologo e psicoterapeuta ad orientamento corporeo e bioenergetico. Conduce sessioni individuali e gruppi di crescita personale, psicoterapia corporea e bioenergetica, rebirthing e respiro, meditazione in Italia e all’estero.

Cartolina seminario