Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Menu Chiuso
MENU
Logo IPSO

Istituto di Psicologia Somatorelazionale

Fondato e diretto da Luciano Marchino

FLAVIO

29 Agosto 2019

Carissimi,
il nostro Flavio ha lasciato il corpo la mattina del 29 luglio, portando con sé parte di noi.
Oggi, a un mese dalla sua morte, lo ricordiamo e riviviamo la ricchezza che ha sempre condiviso senza
risparmio.


Ciascuno di coloro che lo hanno conosciuto ricorderà il suo Flavio, perché i momenti condivisi con lui sono
sempre stati profondi, unici e preziosi, mai banali perché Flavio era così: una sorgente limpida.


Lo ricorderanno gli allievi di IPSO come un magnifico insegnante. Lo ricorderanno gli allievi delle sue classi,
che ha sempre condotto con amorevole determinazione. Lo ricorderanno i suoi pazienti come compagno di
viaggio nella ricerca: un alleato su cui si poteva sempre contare, sia quando nei gruppi li invitava a fare un
“lavoretto al centro” che quando, nell’intimità delle sedute individuali, hanno incontrato la serena
profondità del suo sguardo, l’asciutto calore della sua mano e l’affidabile forza del suo petto, forte per
sostenere, mai per opprimere. Lo ricorderanno gli amici e colleghi del Seminario Clinico coi quali ha
condiviso per trent’anni la sua esperienza professionale e umana.


Lo ricorderanno, soprattutto la sua compagna Paola e sua figlia Vicky che quotidianamente e intimamente
hanno condiviso tanta parte di vita con lui. Lo ricorderanno i suoi fratelli e la grande famiglia da cui Flavio
proveniva.


Ciascuno ricorderà il suo Flavio perché tutti noi sappiamo che, quando il contatto è profondo e sincero, si
crea come un’impronta dentro che ritroveremo ogniqualvolta ne avremo desiderio o bisogno.


Mi hai dato tanto ogni volta che ci siamo incontrati e quando non ci incontravamo sapevo comunque che
c’eri, vecchia quercia! Ora ci sei ancora, dentro di me e al mio fianco: lo so, lo sento.


Grazie Flavio. Arrivederci.

 

Luciano