Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Menu Chiuso
MENU
Logo IPSO

Istituto di Psicologia Somatorelazionale

Fondato e diretto da Luciano Marchino

ATTILIO

10 Ottobre 2019

Attilio.. 
C’è uno spazio intimo tra due persone che compiono un viaggio, che non si può raccontare, me lo hai insegnato tu. Ma quando torni da un viaggio dove i tuoi occhi hanno scoperto le bellezze del mondo, vorresti raccontarle a tutti.

 

Così io oggi vorrei raccontare la tua capacità di curare ferite profonde e di colmare vuoti importanti, perché prima di essere un grande professionista sei una persona con un cuore immenso.

 

Tanti parlano della tua ironia, del tuo essere acuto, intuitivo, professionale .. io mi sento di ricordare quanto il tuo cuore fosse grande, sensibile, empatico, gentile e delicato ... un cuore che sapeva accogliere, riscaldare, amare come sa fare un uomo, ma anche con quella dolcezza che solo una mamma può avere.

 

Non mi mancherà il terapeuta, mi mancherai proprio tu, i tuoi calzini a righe, le prese in giro, le tue storie di lotte sociali, il tuo coraggio, il tuo sorriso, i tuoi abbracci accoglienti e rassicuranti ... le tue metafore fuori dal tempo e i tuoi buffi aneddoti (alcuni me li ha ripetuti così tante volte non ricordandoti che me li aveva già detti, ma ero felice di risentirli), la minaccia delle caramelle Rossana in fattura quando ne mangiavo troppe ... il tuo credere nella vita, nella cura di se’ e dell’altro, i tuoi sbotti quando ti facevo arrabbiare, le litigate, la tua capacità di mostrarti vulnerabile e fragile, i tuoi occhi che si riempivano di commozione quando eri orgoglioso di me per qualche successo o quando vedevi la mia fatica e la condividevi con me, mettendoti delicatamente al mio fianco senza giudizio, i tuoi racconti delle vacanze con le ragazze, il tuo orgoglio quando parlavi di loro... il tuo esserci sempre e comunque per quello che sei con tutti i tuoi talenti e anche con i tuoi limiti, coerente, consistente con i tuoi valori e i tuoi propositi... 

 

Mi hai insegnato l’intimità, l’amore, la fiducia, il rispetto per me, il valore e il diritto al piacere, all’esserci così per come si è. Lo hai fatto nell’esempio, sono diventata grande con te e anche grazie a te.

 

Un peso sul cuore che non passerà. Un vuoto che non si colmerà. 
Una gratitudine immensa alla vita per averci fatto incontrare. 

 

Il mio viaggio con te non finisce qui, tu per me sarai sempre lì, nel mio cuore, diventato grazie al tuo ancora più grande e forte.

 

Ti voglio bene Attilio!

 

 

Cecilia