Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Menu Chiuso
MENU
Logo IPSO

Istituto di Psicologia Somatorelazionale

Fondato e diretto da Luciano Marchino

PER I MIEI AMICI ATTILIO E FLAVIO

20 Ottobre 2019

Ciao Attilio,
oggi è un mese che non ci sei più e tu Flavio, solo poco di più.
Un periodo che a me è sembrato molto più lungo perché lento è il tempo dei momenti intensi o forse troppo breve.

Ho provato e provo tante emozioni per la vostra partenza: stupore, incredulità, dolore, tristezza, senso di mancanza ma mai angoscia e questo lo devo a voi e di questo oggi vorrei ringraziarvi.

Tanti hanno detto e scritto delle vostre preziose qualità: l’accoglienza, l’onestà intellettuale, la generosità, l’ironia senza note aggressive, la perspicacia, la capacità di far sentire l’altro sostenuto… 
Tutte doti che anch’io ho apprezzato e di cui mi sono nutrita in tutti questi anni, ma oggi, proprio oggi, ci tengo a condividere con voi che mi avete insegnato a non avere paura della morte e della separazione.

Quante volte ne abbiamo parlato e dicevate: ”la morte fa parte della vita… è solo un cambio di stato…. siamo sempre avvolti dall’energia… quando non ci saremo più, saremo qui attorno….”

Ecco Attilio, ce lo hai dimostrato fino all’ultimo. Sapevi che il tuo tempo era breve e non avevi paura.

Ecco Flavio, ce lo hai dimostrato con la serenità con cui hai vissuto e sopportato le prove della tua malattia.

Cosa c’è di più intimo e più profondo che condividere la propria fine imminente mentre sta accadendo e rimanere sereni?

Ecco cari amici cosa ho imparato da voi quest’anno: che non avere paura della morte vuol dire non avere paura della vita e non avere paura della vita significa amarla e poterla vivere pienamente, con un profondo senso di fiducia... Solo così ci si può separare senza angoscia.

Avrei voluto poter condividere con voi tanto e tanto ancora ma sento che le nostre relazioni sono state molto ricche e piene. Le nostre pance si sono nutrite di buon cibo in questi trent’anni e per questo posso lasciarvi andare serenamente
Questo mi avete lasciato. E questo mi scalda e mi fa compagnia. Siete con me. Sempre. Per sempre.

Con affetto e gratitudine

Franca