Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. X

Menu Chiuso
MENU
Logo IPSO

Istituto di Psicologia Somatorelazionale

Fondato e diretto da Luciano Marchino

IL CORPO NELLA RELAZIONE D'AIUTO

26 Giugno 2020

IL CORPO NELLA RELAZIONE D'AIUTO 

Attilio Gardino (2000)

 

La relazione di aiuto si fonda sulla necessità, percepita chiaramente o confusamente, di essere aiutati.

 

Quello che determina questa percezione è lo stato che normalmente chiamiamo di crisi, cioè di più o meno improvvisi mutamenti negativi delle condizioni esistenziali, accompagnati dall'incapacità di provvedere adeguatamente alla loro risoluzione con le nostre risorse. 

 

Il termine crisi deriva dal greco "krisis" che significa scelta ed è proprio una scelta che lo stato di malessere percepito implica. 

 

Le crisi sono unanimemente classificate secondo due categorie: 

 

1. Le crisi evolutive o della crescita 

2. Le crisi accidentali o della vulnerabilità esistenziale.

 

Le crisi della crescita coinvolgono tutti noi e sono prevedibili - anche se non nella loro evoluzione - e si percepiscono in corrispondenza delle "situazioni di passaggio": la nascita, dalla vita intrauterina a quella extrauterina; la pubertà, dall'infanzia all'adolescenza; la giovinezza, dall'adolescenza all'età adulta; la terza età, dall'età adulta alla vecchiaia; la vecchiaia, dalla vita alla morte. 

 

Anche le crisi accidentali coinvolgono tutti noi, la loro caratteristica è riferibile alla loro imprevedibilità e sono osservabili in coincidenza con eventi che "interrompono" in forma imprevedibile il corso abituale dell'esistenza: una malattia fisica o psicofisica, una perdita dell'identità o del senso della vita, una tossicomania, un trauma, una violenza, la perdita del lavoro, una separazione, la morte di una persona cara, ecc. 

 

Scopri di più e clicca qui

 

Le crisi della crescita, o meglio detta dell'evoluzione, sono sempre state gestite attraverso lo strumento sociale del rito, che permetteva l'anticipazione e il riconoscimento/sostegno del collettivo all'individuo impegnato in un processo di cambiamento in genere doloroso, se non semplicemente disorientante e solo in alcuni casi particolari richiedevano il sostegno individuale. 

 

Anche le crisi accidentali, in diversi casi, venivano affrontate... Continua a leggere

 

 

Il corpo nella relazione

 

Master in Counseling a Mediazione Corporea (metodologia IPSO) rivolto a Counselor professionisti e a tutti i professionisti impegnati nelle relazioni d’aiuto  che vogliano integrare l’approccio corporeo nella loro pratica professionale.

 

IL COUNSELING E IL METODO SOMATORELAZIONALE

 

Il counseling professionale è un'attività il cui obiettivo è il miglioramento della qualità di vita del cliente, sostenendo i suoi punti di forza e le sue capacità di autodeterminazione. Il counseling offre uno spazio di ascolto e riflessione, in cui esplorare difficoltà relative a processi evolutivi, fasi di transizione, stati di crisi e rinforzare capacità di scelta o di cambiamento. (continua la lettura)

 

Scopri di più e clicca qui